Senza categoria

Pensiero della “buona”notte.

Tra ieri e oggi, con la mia esperienza sui social, ho purtroppo avuto modo di constatare che:

– Le persone sono arrabbiate. Tanto. Quasi tutte. E la rabbia, sempre, c’è quando non si sono fatti bene i conti. Difficile, faticoso, richiede grandi capacità di introspezione, grande umiltà, molto coraggio, fare i conti con se stessi. Sviscerarsi da dentro e capirsi. Vedersi. Riconoscere e ammettere i propri dubbi, paure, debolezze. Tutti ne abbiamo. (Se servono evidenze scientifiche per questa mia affermazione, pregasi contattare un qualsiasi psicologo)

– Le persone mancano di rispetto. Gli adulti. Vergognoso. Parliamo tanto del bullismo a scuola, del cyberbullismo, e siamo i primi a fare i bulli. Dandoci manforte uno con l’altro, per schiacciare, disintegrate, buttare addosso tutta la nostra rabbia al capro espiatorio. È così da sempre. È così nonostante ci diciamo civilizzati. Homo homini lupus. Plauto è sempre molto attuale.

– Sono terrorizzata per quello che potrebbe accadere alle mie figlie, se “per disgrazia” si trovassero ad avere il coraggio di esprimere la loro opinione su un qualsiasi argomento e questa non fosse quella della maggioranza, o fosse così vera da toccare sul vivo le persone nei loro punti deboli, tanto da scatenare la loro ira assassina e devastatrice. È capitato a me che sono grande ormai, so quello che dico e perché lo dico e come lo dico e ho l’armatura adesso, potrebbe senza dubbio capitare anche a loro! Piccole, senza armatura. Siamo tanto attenti ad essere perfetti per i nostri figli, a dargli il cibo biologico, a non vaccinarli, ad allattarli finché ne hanno voglia, ad accompagnarli a scuola per mano fino al liceo, e ci dimentichiamo di insegnare loro il RISPETTO. Per chi non la pensa allo stesso modo, per chi è diverso. RISPETTARE, ASCOLTARE. Sono cose da tempo dimenticate, come i riti e l’addomesticare del Piccolo Principe.

– “Accidenti all’ipocrisia” anche Vasco è sempre molto attuale.

-Gli estremismi, di qualsiasi tipo, annebbiano la mente. Minano la capacità critica. Allontanano dalla realtà. Alcuni arrivano a far compiere atti disumani. Altri atti assurdi, come le femministe che praticano il freebloading. Altri ancora fanno semplicemre perdere il controllo.

-Alla figura dell’educatore non è dato alcun valore professionale. Le persone si permettono di stabilire quali siano o meno le tematiche “educative”, ti trattano come la prima imbecille di turno che dice cose a caso senza e valore. Fossi stata medico allora si, non si sarebbero permesse. Fossi stata psicologo. Allora si, avrei detto cose con un valore. L’educatrice invece niente, cosa vuoi che sappia una semplice baby sitter che una mamma già non sa!

D’altronde dovevo capirlo, dopo essere stata l’unica su 32 (o34?)a scrivere un tema in favore della pena di morte in terza media, l’unica su mille mila a portare all’esame di maturità classica nell’istituto Salesiano una tesina sull’hiv. Dovevo capirlo che il mio daemond mi stava preparando al futuro 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...